Precedenti Salernitana-Benevento: “Correva l’anno… 1976”

È una sorta di routine quella che ci accompagna quando granata e giallorossi si affrontano. Un’abitudine al volgere lo sguardo al passato, recente o meno, di un derby sempre appassionante, spesso decisivo ma che troppo spesso ha viaggiato verso un’unica direzione.

Si parla del passato e si pensa a qualcosa di storico e di antico, qualcosa da conservare come ciò che, arrivati ad un punto, crea necessità di essere aggiornato. E in un certo senso, anche qui parliamo di storia se alla domanda circa l’ultimo successo della strega in terra salernitana bisogna risalire a più di quarant’anni fa.

Se la trasmissione “Correva l’Anno”, rubrica di documentari storici, trattasse di sport, ci ricondurrebbe ad un lontano 2 Maggio 1976, ultimo squillo da tre punti, o meglio all’epoca si trattava ancora di due, del Benevento in quel di Salerno. Un tabù, uno spauracchio che alla vigilia carica ancor di più di tensione e di difficoltà la trasferta all’Arechi, dove il derby campano aprirà ufficialmente la quarta giornata di ritorno del campionato di serie b nel classico anticipo del Venerdì.

Da una storia ad un’altra che speriamo possa scriversi già fra 24 ore, quando un Benevento reduce da sei risultati utili consecutivi proverà a togliersi questo dente doloroso dopo aver provveduto a dare una sferzata alla maledizione già nel derby di andata. In generale, infatti, la Strega non usciva vittoriosa contro il cavalluccio marino dal 1985, ricordo perentoriamente accantonato grazie ad un 4-0 tanto sontuoso quanto meritato.

Dopo un girone, le due squadre si ritrovano con ancora sogni e obiettivi alla portata; a dividerle 5 punti e una partita in meno (quella del Benevento) per una classifica che vede i giallorossi in piena zona playoff e i granata a sole due lunghezze dalla stessa.

Probabilmente, non servirebbe aggiungere altro per capire l’importanza di un derby a cui sicuramente da un punto di vista mentale e dei risultati arriva leggermente meglio il Benevento, ma in cui la Salernitana come sempre sarà pronta a vendere cara la pelle, spinta anche da uno stadio che come sempre saprà fare la propria parte. E anche per contrastare quest’arma il Benevento si porterà con sé dal Sannio 2000 tifosi vogliosi di espugnare l’Arechi e decisi a dare quella spinta decisiva in un periodo che può rivelarsi fondamentale per le sorti del torneo.

Se da una parte, infatti, il campionato è più equilibrato e incerto del solito e indubbio che dall’altra occorre una certa continuità per tentare di emergere e gettare il cuore oltre l’ostacolo. Un qualcosa che il Benevento non ha ancora in pieno dimostrato e che servirebbe più che a guardare solamente avanti a mettere al sicuro la zona playoff da tante inseguitrici, una di queste proprio la Salernitana.

Perché ci sta che dopo un anno di gloria in Serie A la voglia e la “pretesa” di tornare subito ci sia, ma è pur vero che non è mai semplice ripartire da una retrocessione e, considerando sempre da dove il Benevento arrivava negli anni precedenti, andarsi a rigiocare anche i playoff per la seconda volta su due non ci sembra un bottino da buttar via. L’accesso ad una lotteria che poi abbiamo visto può riservare sorprese, tanto più in un torneo livellato al massimo. Possono essere tante le vie che portano al paradiso, una e da  evitare quella che conduce al purgatorio.

Sarà un derby sicuramente duro, acceso, una partita dove bisogna essere guerrieri, una partita che non si può vincere senza quella giusta concentrazione e spirito battagliero. Quella partita che 2000 persone vorrebbero giocare per porre fine ad un’egemonia da troppo consolidata.

Nato a Benevento il 9 Novembre 1995, studente in Scienze della Comunicazione, collaboratore per Ysport da più di un anno. Un passione smisurata per il mondo del calcio, nel raccontarlo, nell'analizzarlo e nell'esprimere il proprio punto di vista su tutte le sfumature che porta con sè, per farlo diventare il suo lavoro. Ospite abitualmente in trasmissioni dedicate al Benevento calcio del quale è anche tifoso da sempre.