Playoff Serie B 2018-19, tanti incroci all’ultima giornata: tutte le possibili combinazioni

Una matassa ingarbugliata, indecifrabile, appassionante. È Maggio e come consuetudine annuale la Serie B ci riserva sempre situazioni mai delineate, ancora tutte da decidere. Fino all’ultima giornata è tutto in bilico, politica di uno dei campionati più emozionanti e incerti d’Europa. Anche quest’anno, a due giorni dall’ultimo turno di gare che metterà fine alla battaglia della regular season, i verdetti da emettere sono ancora tantissimi, sia nelle posizioni di vertice che in quelle delle “zone calde”. Noi proveremo a trovare il bandolo di questa matassa, a cercare per quanto è possibile di mettere ordine innanzitutto nella zona playoff, territorio conquistato dal Benevento, unica squadra che conosce già il proprio destino.

Quale l’avversario dei giallorossi in semifinale? Quali le squadre che si contenderanno la promozioni agli spareggi?

Cerchiamo di andare con ordine e partiamo da chi i playoff non vuole giocarli. Parliamo di Palermo (ci atteniamo solo a quello che recita la classifica attuale senza entrare nel merito di ciò che potrebbe decidere la Giustizia Sportiva) e Lecce che sognano la promozione diretta. I salentini hanno un punto di vantaggio sui siciliani a novanta minuti dal termine. Già, perchè gli incroci di Lecce e Palermo sono rispettivamente Spezia e Cittadella, altre due squadre coinvolte pienamente nella bagarre playoff. Almeno al fischio di inizio, a nessuna di queste quattro squadre potrebbe bastare un punto. Una vittoria significherebbe promozione diretta per Lecce o Palermo, playoff blindati e miglior piazzamento per Spezia e Cittadella. L’asse Lecce-Palermo sarà caldissimo e deciderà gran parte delle sorti degli spareggi promozione.

Spezia e Cittadella sono rispettivamente sesta e settima, a uno e due punti di distacco dal Pescara quinto. Gli abruzzesi sembrano essere i favoriti per conquistare playoff e quinto posto. Gli ultimi novanta minuti sono previsti fra le mura amiche contro una Salernitana allo sbando, che però adesso rischia una clamorosa retrocessione o partecipazione ai playout. E si sà, quando le squadre hanno l’acqua alla gola, anche una partita sulla carta semplice diventa una finale rovente.

Finale rovente che si annuncia prevedibile anche al “Curi”di Perugia, dove i biancorossi e la Cremonese daranno vita a quello che è un vero e proprio spareggio per un posto nella griglia playoff. Le due squadre sono divise da due punti, 49 quelli dei lombardi, 47 quelli degli Umbri. Al Perugia di Nesta utile un solo risultato, la vittoria, con la quale scavalcherebbe proprio la Cremonese, artefice di una rincorsa e una rimonta in classifica incredibile.

Ma fra le due litiganti c’è una terza che potrebbe godere. Parliamo dell’Hellas Verona, attualmente nono, e fuori dai playoff. Con una vittoria i gialloblù, schizzerebbero a 52 punti e l’unico modo per essere estromessi dagli spareggi è la vittoria contemporanea di Cittadella, Spezia e Cremonese. Certo, nel calcio può succedere di tutto, ma fra tutte questa è oggettivamente una delle situazioni più complesse che si possano avverare in percentuale.

Quella che sembrerebbe una situazione compromessa per il Verona, quindi, grazie agli incroci pazzi che il destino si è riservato, potrebbe essere invece più favorevole del previsto. Se non fosse che gli scaligeri arrivano da un periodo di risultati e prestazioni che definire pessimo è un eufemismo. E al “Bentegodi” sabato, si presenta una squadra pronta a giocarsi la vita. La compagine in questione si chiama Foggia, che dopo la vittoria sul Perugia di Lunedì è riuscita a portarsi fuori dalla zona retrocessione diretta, approdando nei playout. Il Foggia ha la chance di agguantare un incredibile salvezza diretta in caso di vittoria, ma dipende dai risultati di Livorno (contro il Padova) e Salernitana. Tuttavia la conquista dei 3 punti è indispensabile per impedire al Venezia di poterla scavalcare. I lagunari saranno di scena a Carpi, dove la squadra di Castori è già retrocessa; ipotizzare una vittoria non è utopia.

Tutto questo è sul menù dell’ultima giornata di Serie BKT 2018-2019. Un menù che Brescia e Benevento si gusteranno dal Rigamonti, in una camera con vista Serie A per i lombardi e una camera con vista playoff per i sanniti.

Leggi anche:

Analisi Benevento-Padova 3-3: divertimento, fra pensieri e distrazioni playoff

Nato a Benevento il 9 Novembre 1995, studente in Scienze della Comunicazione, collaboratore per Ysport da più di un anno. Un passione smisurata per il mondo del calcio, nel raccontarlo, nell'analizzarlo e nell'esprimere il proprio punto di vista su tutte le sfumature che porta con sè, per farlo diventare il suo lavoro. Ospite abitualmente in trasmissioni dedicate al Benevento calcio del quale è anche tifoso da sempre.