Lazio-Benevento 5-3: le dichiarazioni di Filippo Inzaghi nel post partita

Nel post partita di Lazio-Benevento, Filippo Inzaghi ha analizzato ai microfoni di Sky Sport il pirotecnico 5-3 maturato questo pomeriggio allo “Stadio Olimpico” di Roma. Qui di seguito le dichiarazioni rilasciate dal tecnico dei sanniti nel dopo gara.

Le dichiarazioni di Filippo Inzaghi nel post partita di Lazio-Benevento 5-3

Questa l’analisi di mister Filippo Inzaghi: “Io parto dai numeri: se vieni in casa della Lazio e fai 16 tiri a 12 contro una squadra come la Lazio, non puoi non essere soddisfatto per la prestazione. Dispiace aver perso chiaramente, ma credo che avremmo preso gol anche aspettandoli sin dall’inizio, visti gli attaccanti che ha la Lazio. Avremmo meritato almeno il pareggio, ma se giochiamo così sono sicuro che ci salveremo.

È chiaro che devi soffrire per rimanere in Serie A, ma sono fiducioso ed ottimista per come siamo venuti a giocare qui a Roma contro la Lazio. Questa è una squadra che ha fatto delle ottime cose negli ultimi anni, ma siamo consapevoli che è una Serie A di sofferenza. Essere rammaricati per una sconfitta a Roma fa capire dove siamo arrivati e quanto siamo cresciuti nell’ultimo periodo.

Approccio sbagliato? Abbiam preso un gol in disimpegno, un gol che non dovevamo prendere. Poi il rigore, che potevamo tagliarci le gambe, ma è normale concedere qualcosa contro i vari Immobile, Correa, Milinkovic… La squadra ha reagito e ha rischiato di pareggiarla alla fine. Probabilmente ci saremmo riusciti se non ci avessero annullato quel gol del 4-3, prima che segnasse Glik. Ma va bene così insomma, torniamo a casa con un’ottima prestazione contro una squadra importantissima.”

Leggi anche:

Lazio-Benevento 5-3: il Tabellino

Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione e attualmente studia Corporate Communication e Media presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista dal 30 settembre 2020, ama, segue e pratica lo sport più bello del mondo.