Cremonese-Benevento 0-1: le dichiarazioni di Filippo Inzaghi nel post partita

Mister Filippo Inzaghi ha analizzato ai microfoni di OttoChannel lo 0-1 maturato al termine di Cremonese-Benevento, prima partita dei sanniti dopo l’emergenza Coronavirus.

Le dichiarazioni di Filippo Inzaghi nel post partita di Cremonese-Benevento 0-1

“Oggi era un’ulteriore prova per capire se questa squadra fosse capace di stupirmi ancora. Hanno fatto ancora una volta qualcosa di straordinario, nonostante il primo caldo e una partita difficile. Abbiamo sofferto un po’ all’inizio perché non trovavamo spazio e loro ripartivano sempre, quindi non era assolutamente facile. Abbiamo raggiunto altri due record impensabili, quelli di Palermo e Torino, i complimenti vanno tutti ai miei ragazzi.

Dobbiamo pensare a battere tutti i record che possiamo battere, perché così andiamo avanti e così troviamo motivazioni. Oggi ci mancavano due titolari importanti, ma la squadra ha lottato ancora da grande squadra e ha conquistato altri tre punti.

Oggi ero veramente curioso di sapere come avrei trovato i miei ragazzi. Ci trovavamo di fronte un avversario in forma, attrezzato, che aveva già giocato mercoledì, ma i miei ragazzi fanno sembrare sempre tutto facile. Oggi, prima della partita, gli ho fatto vedere un video, perché non sapevo cosa fare. Allora, gli ho fatto vedere un video con gli spezzoni delle 28 partite giocate finora, per fargli capire cosa sono loro, cosa hanno fatto finora. E dopo averlo visto, lo spogliatoio sembrava quello lasciato prima della pausa.

Quando si vincono 10 partite in trasferta, quando si fanno determinate prestazioni, non ci sono parole per descriverli. Oggi era un ulteriore step per confermare quanto fatto finora, ma ora i ragazzi devono godersi le pagine dei giornali e ciò che dicono di noi. Loro e il nostro Presidente, tutti insieme. È incredibile pensare che abbiamo già gli stessi punti del Brescia che hanno vinto il campionato l’anno scorso. Mancano ancora 9 giornate.

Rivedere i miei genitori? È stato molto emozionante, è scattata anche qualche lacrimuccia. Mi dispiace non andare a casa oggi, ma mi conosco. Non me la sono sentita di partire, nonostante la società mi avesse dato il permesso per saltare l’allenamento di domani mattina. Lo avrebbero capito, ma sono fatto così.

L’infortunio di Kragl? Dall’inizio ha accusato questo problemino, quindi è dovuto uscire, anche per non rischiare. Roberto Insigne non aveva i 90 minuti nelle gambe, quindi speravo di fare questa staffetta. Anche Roby è entrato bene, quindi ho davvero l’imbarazzo della scelta.”

Leggi anche:

Cremonese-Benevento 0-1: le dichiarazioni di Del Pinto nel post partita

Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Amante del calcio sin dalla nascita, segue l'Avellino Calcio fin da bambino e resta aggiornato su tutto ciò che riguarda lo sport più bello del mondo.