Chi è Gabriele Moncini: storia e caratteristiche del nuovo acquisto del Benevento

Nessun tentennamento, nessuna esitazione. Il Benevento aveva bisogno di un attaccante per puntellare il suo reparto avanzato e mettersi al sicuro da eventuali partenze, al momento, non previste; l’attaccante pistoiese aveva era desideroso di rimettersi in gioco sul serio, alla luce delle poche presenze collezionate in massima serie con la Spal di Semplici.

Ed ecco come il matrimonio fra Gabriele Moncini e la società giallorossa è presto fatto. Un profilo, quello del ventitreenne attaccante pistoiese, già da tempo finito nel mirino del ds Foggia, che lo ha posto in cima alla classifica delle priorità per questa finestra di mercato invernale. Triennale con opzione per il quarto, testimonianza di come il Benevento creda molto nelle qualità del ragazzo, ancora non del tutto esplose, non solo per il girone di ritorno di questa, fino ad ora, trionfale serie B, ma anche per altri possibili scenari.

Un profilo graditissimo anche al mister Filippo Inzaghi, che aveva indicato proprio in Moncini il giocatore avente quelle caratteristiche giuste per dare ulteriore slancio e concretezza al reparto offensivo. E si sà, chi meglio dell’ex campione del mondo può tracciare un giudizio quando si parla di “numeri 9”?

Anche perché, con le ovvie e dovute proporzioni, l’ex Cittadella ha qualcosa che ricorda il mitico “Super Pippo” che dispensava gol per l’Italia. Fiuto del gol e furbizia; Moncini è un giocatore che sembra prevedere in anticipo dove possa giungere il pallone, soprattutto all’interno dell’area di rigore. Rapido nel rubare il tempo all’avversario, dinamico nel proporsi alle spalle della difesa. Uno di quei giocatori che “sentono” la porta e sanno che basta un tocco, anche non pulitissimo, per centrare il bersaglio.

Attaccante temibile anche nel gioco aereo, caratteristica messa in mostra nei primi sei mesi del 2019 quando, approdato in prestito al Cittadella, trascinò i veneti fino ala finale playoff persa contro l’Hellas Verona, mettendo a segno 17 reti in 27 gare disputate, tra cui il meraviglioso colpo di tacco dello 0-3 proprio al “Vigorito”, che sancì l’eliminazione del Benevento di Bucchi dagli spareggi promozione.

Partner di Coda? Staffetta? Sostituto? Staremo a vedere, anche perché molto in tal senso dipenderà dalla situazione del nove di Cava de’ Tirreni; il rinnovo sembra lontano, e con l’arrivo di Moncini (investimento non indifferente)accrescono i dubbi circa una sua ipotetica partenza già nell’arco del prossimo mese, nonostante la via più percorribile, sembra essere quella che porti a dividere le strade di Coda e Benevento a Maggio, una volta portato al termine il campionato, quando il contratto dell’attaccante scadrà.

(Fonte Foto: Benevento Calcio)

Leggi anche:

Moncini al Benevento, è ufficiale: il comunicato

Benevento Calcio, un 2019 tra delusioni e grandi gioie: è cambiata la mentalità

Nato a Benevento il 9 Novembre 1995, studente in Scienze della Comunicazione, collaboratore per Ysport da più di un anno. Un passione smisurata per il mondo del calcio, nel raccontarlo, nell'analizzarlo e nell'esprimere il proprio punto di vista su tutte le sfumature che porta con sè, per farlo diventare il suo lavoro. Ospite abitualmente in trasmissioni dedicate al Benevento calcio del quale è anche tifoso da sempre.