Cagliari-Benevento 1-2: le dichiarazioni di Tuia nel post partita

Nel post partita di Cagliari-Benevento, Alessandro Tuia ha commentato così l’1-2 maturato oggi alla Sardegna Arena. Qui di seguito le dichiarazioni del difensore giallorosso ai microfoni di OttoChannel.

Le dichiarazioni di Tuia nel post partita di Cagliari-Benevento 1-2

“La scorsa non è stata una delle mie partite più brillanti, ma fortunatamente si gioca ogni tre giorni e si ha subito la possibilità di rifarsi. Oggi non abbiamo approcciato benissimo, ma eravamo messi bene in campo e siamo riusciti a fare quello che dovevamo fare.

Loro venivano da un periodo negativo, quindi ci aspettavamo una squadra molto battagliera. Dopo il 2-1, siamo stati bravi a tenere botta e a portare a casa i tre punti, veramente fondamentali oggi.

Il mio problema fisico? Spero non sia nulla di grave, sento un po’ di fastidio all’adduttore, ma credo non sia nulla di grave.

La nostra crescita? Abbiamo trovato una quadratura con la difesa a 4, ma alla fine è l’approccio che fa la differenza. La difesa a 3 la proviamo sporadicamente, ma quando la utilizziamo a gara in corso la facciamo sempre bene. Alla fine è l’atteggiamento, è il come lo fai a fare la differenza.

In cuor mio, so che quando si fanno gli errori vanno valutati e corretti nel più breve tempo possibile. Il gol è stato anche qualcosa di più, per cancellare una brutta partita. La mia esultanza? Non me n’ero reso conto lì per lì, ma rivedendo le immagini ho visto che mi sono tolto un grosso peso dalle spalle, dimenticando tutto quello che era successo e tutti gli infortuni avuti. È stata una soddisfazione enorme.

Il rientro di Maggio? Un piacere rivederlo in campo, perché è un giocatore importante e un ragazzo dallo spessore umano davvero grande. Un fattore in più per noi”.

Leggi anche:

Cagliari-Benevento 1-2: le dichiarazioni di Sau nel post partita

Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione e attualmente studia Corporate Communication e Media presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista dal 30 settembre 2020, ama, segue e pratica lo sport più bello del mondo.