Benevento-Crotone 1-1: le dichiarazioni del Presidente Vigorito nel post partita

Al termine di Benevento-Crotone, il Presidente Oreste Vigorito è intervenuto ai microfoni di OttoChannel per commentare l’1-1 maturato all’ultimo minuto nel pomeriggio odierno. Qui di seguito le dichiarazioni rilasciate dal patron dei sanniti, che ha avuto un lungo colloquio con la squadra nello spogliatoio alla fine delle ostilità.

Le dichiarazioni del Presidente Vigorito nel post partita di Benevento-Crotone 1-1

Ho parlato con la squadra – ha rivelato il Presidente Vigorito -. L’umore? È come se fosse caduto il mondo, ma dimentichiamo che c’è un’altra possibilità. I funerali non ci sono ancora in casa Benevento. Abbiamo dato solo una possibilità in più al Torino che ha due risultati su tre contro la Lazio. Al di là di questo, la squadra è stata fermata. Sono stati sospesi tutti i permessi. Aspetteremo il risultato dell’Olimpico. Coloro che se la sentono di giocare verranno a Torino, altrimenti chi avrà un piccolo fastidio psicologico o fisico resterà a Benevento. Sono decisioni che prenderemo da qui a 48 ore. Come ho già spiegato ai tifosi, che ancora una volta mi hanno dato tutto il loro affetto, c’è ancora qualcosa da fare. Avremo modo di analizzare le responsabilità, comprese le mie. Io sono il primo perdente in questa situazione, ma ho chiesto ai tifosi di non mollare e di continuare a sostenerci.

Troppo spesso – ha aggiunto il numero uno giallorosso – ci siamo affidati al fatto che la partita della vita bisognava vincerla. In questo mondo le attese fanno danni nella testa dei calciatori perché sono degli immaturi. Per assumersi delle responsabilità bisogna avere delle spalle larghe, non delle gambe muscolose. Questa piazza va rispettata e ringraziata per il modo in cui si è comportata quest’anno, così come la stampa. La società ha operato in buonafede nel rispetto della parola insieme. Sono abituato a dire che quando non si riesce a fare ciò che si vuole, probabilmente o non si è capaci o non si è voluto farlo.

La mancata vittoria ci mette nella condizione più difficile. Facciamo la riflessione che probabilmente il Torino, che sarà chiamato a fare risultato a Roma, probabilmente sarà pressato di più. Preferisco pensare che, qualora ci giocheremo tutto domenica prossima, ci saranno dei calciatori pronti a tutto. Se vedo che la squadra o lo staff non sono nelle condizioni di giocarla, ci manderò la Primavera. Mercoledì mattina vedremo chi guarderà negli occhi il presidente o meno. Ho chiesto alla tifoseria di essere realista. Vincere con il Crotone ci avrebbe dato una chance in più. Vediamo se riusciamo a tirare per la coda questo benedetto campionato.

Non so se la squadra ha dato tutto o se aveva solo questo da dare. I test settimanali, la coesione, il rapporto tra tutte le parti meritava prestazioni diverse. A volte si scivola anche per incapacità, non solo per sfortuna. Siamo in questa situazione. Tocca a chi ha guidato la squadra, così come a quelli che sorridevano quando si vinceva. Dobbiamo capire se ci sono calciatori in grado di giocare una partita così delicata. Farò le mie deduzioni quando mi diranno chi sarà pronto per partire verso Torino.

Nel primo anno di Serie A ho dovuto fare esperienza. Non c’è più da fare esperienza adesso, questo mondo va così. In questa stagione ho dovuto vivere un anno diverso, caratterizzato dal Covid e senza spettatori, che per il Benevento sono di vitale importanza. Abbiamo dovuto sopportare una serie di disagi di viaggio. Queste non sono esperienze, ma condizioni che si sono create. Andavano affrontate in modo diverso. Forse ci ha ingannato il girone d’andata, dove sembrava che tutto filasse liscio. Nel momento in cui dovrò fare un’analisi lucida, mi auguro di avere la serenità nel farla. Siamo una società in una città non enorme che ha dovuto giocare in condizioni particolari. Non penso che debba fare ancora esperienza nel calcio.

Preferisco non pensare alla partita di martedì tra Lazio e Torino. Mi preoccupo dell’atteggiamento dei capitolini, – riporta Ottopagine.it – perché il Torino potrebbe trovare le energie per fare la gara della vita. Spero che la Lazio faccia la stessa cosa. Spero che i biancocelesti siano gli stessi che abbiano giocato contro di noi. Per quanto riguarda i nostri, credo che in qualsiasi lavoro si faccia bisogna avere qualcosa di diverso. Si diventa calciatori veri perché si è uomini dentro e gli uomini devono assumersi delle responsabilità. Se qualcuno non se la sente, può succedere, deve solo dirmelo. Li lascerò a casa e si assumeranno la responsabilità di quanto fatto. La vergogna è non superare la paura, ma di questo ne parleremo mercoledì mattina”.

Infine, un messaggio ai tifosi, a dir poco amareggiati dopo l’1-1 di oggi: “Alla gente posso dire che Vigorito non ha mai smesso di stare accanto al Benevento. Potevo leggere diversamente qualche situazione. L’esperienza di quest’anno servirà per capire la posizione che dovrà assumere Vigorito nella prossima stagione. Mi sono affidato a degli uomini che hanno vinto un campionato a suon di record, oltre a fare una serie A in cui siamo ancora in lotta per salvarci. Vuol dire che ho guidato la società a questo. Ciò che posso dire è che Vigorito resta sempre fuori dal rettangolo di gioco, ma avrà gli occhi aperti molto di più rispetto a quanto accaduto quest’anno”.

Leggi anche:

Contestazione dei tifosi del Benevento dopo il pareggio col Crotone (Video)

Benevento-Crotone 1-1: le dichiarazioni di Filippo Inzaghi nel post partita

Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione e attualmente studia Corporate Communication e Media presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista dal 30 settembre 2020, ama, segue e pratica lo sport più bello del mondo.