Benevento-Ascoli 4-0: le dichiarazioni di Montipò nel post partita

Il Benevento di Filippo Inzaghi rappresenta la miglior difesa della Serie B anche per merito del suo portiere, Lorenzo Montipò, che ha risposto bene all’errore commesso al “Bentegodi”, intervenendo con sicurezza in un paio di occasioni. Nel post partita, l’estremo difensore giallorosso ha analizzato così il 4-0 odierno ai microfoni di OttoChannel.

Le dichiarazioni di Montipò nel post partita di Benevento-Ascoli 4-0

“Son felice che questa squadra non abbia mollato veramente fino alla fine. Sappiamo tutti gli inganni che potevamo nascondere l’ultima partita dell’anno, il mister ci aveva messo in guardia e noi ci tenevamo a battere il record della Juve di Buffon, Nedved, Del Piero e Trezeguet. Siamo molto felici per questo record superato, l’ennesimo, e adesso ci godiamo le vacanze.

Mister Inzaghi? Diciamo che lui, fin dai primi giorni, ha cercato di trasmetterci la sua mentalità, la stessa che aveva da giocatore. Noi abbiamo sempre cercato di apprendere, di imparare, perché sappiamo tutti ciò che è stato da calciatore. Noi andiamo in campo per cercare di mettere sempre questa mentalità, dall’inizio alla fine. Oggi siamo stati bravi, ma dovremo approcciare al girone di ritorno con grande concentrazione, con la consapevolezza di non aver fatto ancora nulla.

L’Ascoli? È una grande squadra, davanti ha degli interpreti di valore e nella prima mezzora oggi hanno dominato, va detto. Poi abbiamo preso le misure e abbiamo cominciato ad alzare i ritmi, riuscendo a sbloccarla con Tuia. Siamo rimasti alti e questo c’ha permesso di ottenere una vittoria ancora più ampia nel finale.

Fanno piacere questi record, soprattutto se riguardano la fase difensiva. Per quanto ci riguarda, cambiano gli interpreti ma alla fine il risultato è sempre quello. Oggi abbiamo cambiato qualcosa, come Antei sulla fascia destra, ma il risultato finale ancora una volta non è cambiato. Approfitto per fare un grandissimo in bocca al lupo a Luca, perché abbiamo saputo del suo grave infortunio al ginocchio.

La mia stagione? Secondo me è più difficile giocare in una squadra d’alta classifica, perché se è vero che ti arrivano meno tiri, devi essere bravo a farti trovare pronto anche sul singolo tiro in porta. E quando non si tratta di parate, devi migliorare su altri aspetti, sul gioco coi piedi e sulla gestione della difesa.”

Leggi anche:

Benevento-Ascoli 4-0: le dichiarazioni di Inzaghi nel post partita

Benevento-Ascoli 4-0: le dichiarazioni di Schiattarella nel post partita

Benevento-Ascoli 4-0: le dichiarazioni di Sau nel post partita

Benevento-Ascoli 4-0: Risultato Finale e Tabellino (Serie B 2019-20)

Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Amante del calcio sin dalla nascita, segue l'Avellino Calcio fin da bambino e resta aggiornato su tutto ciò che riguarda lo sport più bello del mondo.